Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2012

Caro Collega,

Come te, suppongo, sono cresciuto con le immagini in bianco e nero dei film che rappresentano l’Europa meridionale che lotta per riprendersi dalla calamità degli anni più duri della guerra.

Come te, la mia mente è ancora piena di immagini di persone che lottano, le cui prove e tribolazioni hanno dato origine a ondate di migranti italiani e greci verso luoghi lontani, e a film come “Ladri di biciclette” o come un simile film greco, in cui intere sequenze comiche sono costruite sul desiderio di un uomo per un pezzo di formaggio o di dolce. Ma a un certo punto, venne il momento in cui non era più così facile ricordare la povertà e la privazione che avevano dato la loro intensità a quelle immagini e sequenze comiche. Come risultato, le nostre società, Italia e Grecia, si sono allontanate dalla tradizione culturale di De Sica, Fellini, Koundouros e Cacoyannis, e sono scese nel buco nero della volgarità “Berlusconesque”. Durante questi anni di “crescita” e consumismo, molti di noi speravano che le nostre società trovassero in se stesse la capacità di ritrovare l’equilibrio perduto; di conciliare lo stomaco pieno con la preferenza per un cinema dignitoso al posto del volgare stile di vita proposto dagli show televisivi.

Ahimè, non ce l’abbiamo fatta. Prima che un tale equilibrio venisse raggiunto (sempre che potesse essere raggiunto), il Ventinove della nostra generazione ci ha colpito. È successo nel 2008 quando, proprio come nel 1929, Wall Street è crollata, la moneta comune dell’epoca (il Gold Standard degli anni 30, l’euro degli anni 10 del 2000) ha cominciato a disfarsi, e ben presto le nostre élite hanno fallito clamorosamente nel tentativo di rispondere razionalmente alla marcia trionfale della Crisi. Solo due anni dopo la Crisi ha colpito il mio paese, la Grecia, e ci siamo trovati, ancora una volta, nelle condizioni di relazionarci con le sequenze comiche dei film degli anni 50 e 60, che ruotano intorno alla brama di un pezzo di formaggio o al sogno di un dolce.

Quando studiavo economia, da giovane, mi ricordo che avevo grandi difficoltà a capire come fu che i governi tra le due guerre, dal 1929 in poi, avessero potuto fallire così fortemente nel tentativo di arrestare quella crisi economica che ci ha poi portato, tragicamente, alla Seconda Guerra Mondiale. (altro…)

Read Full Post »